Raf103e5

Dal 1976 incredibilmente vera

La maggior parte degli scommettitori considera importante il gioco responsabile

Il gioco responsabile è un argomento che è venuto alla ribalta nelle conversazioni sul gioco d’azzardo negli Stati Uniti dopo l’abrogazione della PASPA e la rapida espansione delle scommesse sportive legali che è seguita nel 2018.

L’industria spera di evitare repressioni in stile europeo sulla pubblicità del gioco d’azzardo e sulle politiche di gioco responsabile. Tuttavia, secondo un recente sondaggio condotto da Toluna, Harris Interactive e Kurundata, è il cliente che si strugge per un ambiente di gioco responsabile più solido.

Secondo il sondaggio, l’81% degli intervistati statunitensi ha affermato che l’ambiente di gioco responsabile è abbastanza o molto importante nella scelta di un fornitore. Solo il 4% ha detto che non era importante. E come abbiamo riportato in un precedente articolo su questo sondaggio, il 24% degli scommettitori statunitensi si è dichiarato preoccupato di giocare troppo.

Le preoccupazioni per il gioco responsabile vanno da misure interne come depositi e limiti di tempo agli schemi VIP alle preoccupazioni sul marketing esterno.

Opzioni RG attualmente in offerta

Secondo il sondaggio, i due terzi degli scommettitori sono a conoscenza dell’esistenza di misure di gioco responsabile offerte dai siti di scommesse. Sfortunatamente, quasi il 40% degli scommettitori non è a conoscenza di alcuna misura specifica per il gioco responsabile.

Se gli scommettitori vogliono che queste politiche siano in atto, avrà senso che gli operatori come NetBet Italia scommesse online  le rendano più visibili e accessibili durante il processo di registrazione o addirittura rendano queste politiche disattivate invece di attivarle.

Dare agli scommettitori quello che vogliono

La maggioranza degli intervistati statunitensi, il 54%, ritiene che i messaggi di avviso per i giocatori frequenti avrebbero un impatto positivo e quasi il 50% è a favore dei messaggi di deposito obbligatorio. È interessante notare che solo il 38% pensa che fornire informazioni di contatto per i servizi di dipendenza dal gioco (qualcosa di già obbligatorio) ridurrebbe i danni da gioco.

Da notare che agli intervistati del Regno Unito è stato chiesto degli schemi VIP e sembra che questa sia un’area in cui le preoccupazioni dei giocatori sono piuttosto elevate.

Quasi i due terzi degli intervistati ritengono che i bookmaker dovrebbero ricordare in modo proattivo ai loro scommettitori ad alto volume il gioco responsabile e circa la metà (49%) ritiene che i bookmaker non dovrebbero incentivare i clienti con premi e regali.

Gli Stati Uniti sono già stufi del marketing?

L’era delle scommesse sportive legali negli Stati Uniti è ancora agli inizi, ma sembra che gli scommettitori abbiano già finito con la pubblicità del gioco d’azzardo e il modo in cui viene venduto il gioco d’azzardo.

Circa i due terzi degli intervistati molto o in qualche modo d’accordo con le seguenti due affermazioni:

  • Gli annunci non dovrebbero essere mostrati ai bambini in quanto hanno un impatto negativo su di loro (67%)
  • Le pubblicità contribuiscono a incoraggiare le persone a giocare eccessivamente (64%)

Se sei un operatore di scommesse sportive negli Stati Uniti, molte delle risposte nell’immagine qui sotto dovrebbero farti riflettere quando prendi in considerazione una strategia a lungo termine. In particolare, gli atteggiamenti nei confronti delle partnership tra siti di scommesse sportive e leghe e squadre professionistiche e l’uso delle celebrità nella pubblicità.

Considerando i risultati nel mercato britannico più maturo (dalla foto e sotto), è improbabile che questi atteggiamenti cambino in meglio nel tempo. Invece, potrebbero diventare rapidamente più negativi poiché gli appassionati di sport sono inondati di pubblicità man mano che si aprono sempre più nuovi mercati di scommesse sportive negli Stati Uniti (in particolare i grandi stati come Florida, New York e California) e la stagione NFL prende il sopravvento.

Questi risultati pubblicitari sono stati gli unici che Toluna ha deciso di rompere per demografia, il che suggerisce l’importanza (o forse l’imprevisto) dei risultati.

Updated: Maggio 30, 2022 — 1:19 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Raf103e5.it e' gestito dall'Associazione Culturale RAF103e5 Frontier Theme