Raf103e5

Dal 1976 incredibilmente vera

Ospedale di Fondi: potenziata la rete cardiologica

Malgrado l’inizio del nuovo anno sia stato caratterizzato da una notevole recrudescenza della
pandemia che sta mettendo a dura prova l’organizzazione e la tenuta del nostro Servizio Sanitario
nazionale, la direzione strategica della ASL di Latina, nell’ambito delle iniziative volte al
potenziamento dell’offerta sul territorio, è riuscita ad implementare l’offerta cardiologica presso
l’Ospedale di Fondi con l’apertura di una serie di ambulatori e servizi legati alla cura delle malattie
cardiovascolari.
Questa iniziativa è una prima risposta ai bisogni di salute di una popolazione, rappresentati in più
occasioni dal Sindaco Maschietto, che rappresenta il comune capofila del distretto sociosanitario 4.

Medici, infermieri e tecnici all’Ospedale di Fondi con apparecchiature per l’ambulatorio delle aritmie
ed i programmatori per il controllo dei pace-maker.
I nuovi ambulatori – dichiara la Dr.ssa Silvia Cavalli, Direttore Generale della ASL di Latina –
prevedono una integrazione del personale sanitario dell’Ospedale di Fondi con quello della

Cardiologia dell’Ospedale Goretti di Latina con la supervisione del Professor Versaci, direttore della
cardiologia dell’Ospedale Goretti e del coordinamento dell’area cardiovascolare della nostra
Azienda.
La ASL ha iniziato con l’apertura degli ambulatori dedicati alla cura delle aritmie ed al controllo dei
pacemaker: in questo modo tutti gli abitanti di Fondi e zone limitrofe non saranno più costretti ad
andare a Formia o Latina ma potranno controllare i lori dispositivi vicino casa: oltre 200 pazienti,
spesso anziani e fragili potranno giovare di tale possibilità senza più spostarsi.
Inoltre – continua la Dr.ssa Cavalli – stiamo aprendo nuovi ambulatori dedicati alla cura dello
scompenso cardiaco, dell’ipertensione arteriosa e per la prevenzione cardiovascolare. Verrà
potenziato l’ambulatorio di cardiologia pediatrica e creata la possibilità di attività di day hospital per
la presa in carico di pazienti delicati che necessitano di controlli o cicli di terapia infusionale ripetuta.
Buona parte della nuova offerta – ci illustra la Dr.ssa Cavalli – fa parte dei percorsi diagnosticoterapeutici assistenziali (PDTA) che stiamo attivando in tutta la nostra Azienda. I PDTA sono degli
strumenti formidabili di integrazione ospedale-territorio, che amplieranno le possibilità di cura
nostro sul territorio. Pensiamo che la persona debba essere “presa in carico” complessivamente,
nelle sue relazioni parentali, familiari e di comunità, costruendo attorno alle sue necessità il miglior
percorso assistenziale possibile a partire dall’abitazione di residenza. Per facilitare tale
trasformazione – conclude la Dr.ssa Cavalli – stiamo utilizzando, la telemedicina, un eccezionale
strumento per superare le distanze fisiche, di particolare valore soprattutto nel nostro territorio,
per tenere unite le aree montane, le isole e i paesi più limitrofi della nostra Provincia, caratterizzate
da rarefazione dei servizi e maggiore difficoltà di accesso agli stessi. Un ottimo esempio lo abbiamo
condotto nella nostra Azienda con una piattaforma posizionata presso la UOC dell’Ospedale
Goretti, diretta dal Prof. Versaci, che attualmente segue in remoto oltre mille pazienti sparsi su tutto
il nostro territorio per dare a tutti i cittadini la stessa opportunità di accesso alle cure e far sentire
la Sanità più vicina ai propri bisogni di assistenza.

Updated: Febbraio 2, 2022 — 12:52 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Raf103e5.it e' gestito dall'Associazione Culturale RAF103e5 Frontier Theme