Raf103e5

Dal 1976 incredibilmente vera

Rinnovata alla ASL anche per il 2014 la richiesta di screaning del colon-retto.

Il Sindaco di Fondi Salvatore De Meo ha formulato nei giorni scorsi al DG della ASL di Latina Michele Caporossi richiesta di rinnovo della convenzione che ha consentito di attuare nel 2013 uno screening del colon-retto sulla popolazione maschile e femminile di Fondi nella fascia d’età compresa tra i 50 e i 74 anni.
L’Amministrazione comunale ha valutato positivamente tale attività, sia perché ha inciso sulla prevenzione della malattia rendendo la patologia più facilmente curabile, sia dal punto di vista economico, consentendo un risparmio considerevole per il Sistema Sanitario in quanto ha evitato l’impiego di quei farmaci antitumorali, estremamente costosi, utilizzati nelle fasi più avanzate della malattia.
Il Comune di Fondi ha collaborato allo screening con un contributo finalizzato a garantire l’attività di un’unità medica esterna che ha collaborato all’esecuzione delle colonscopie, con la donazione alla ASL di una postazione PC con relativa stampante e promuovendo inoltre una campagna informativa sul territorio comunale.
Lo screening ha consentito di far emergere 215 riscontri positivi a fronte di oltre 3.000 analisi compiute sulla popolazione rispondente. Dall’attività di II livello sono emersi decine di casi di adenomi – neoplasie benigne che possono pregiudicare vari organi –, alcuni in fase iniziale e altri in fase avanzata, per i quali si è proceduto ad intervento.
«Volendo proseguire nel percorso mirato al benessere e alla salute dei nostri cittadini – si legge nella nota inviata dal Sindaco De Meo al DG Caporossi – si intende dare continuità all’attività di screening rinnovando la convenzione tra Comune di Fondi e ASL con l’obiettivo di garantire al progetto i medesimi standard qualitativi».
Gli effetti positivi degli screening del colon-retto sono confermati su base nazionale dall’aumento dell’incidenza registrata per la malattia: l’attivazione di questa pratica, infatti, determina inizialmente un incremento delle nuove diagnosi di tumore, grazie all’anticipazione diagnostica di casi che altrimenti verrebbero individuati successivamente e tardivamente.
La comunicazione e la consapevolezza sono strumenti di fondamentale importanza per la promozione della salute di tutti i cittadini e grazie ad opportune sinergie è possibile ottenere importanti risultati dando risposte ai bisogni della popolazione.Salvatore De Meo

Updated: Ottobre 21, 2014 — 6:56 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Raf103e5.it e' gestito dall'Associazione Culturale RAF103e5 Frontier Theme