Raf103e5

Dal 1976 incredibilmente vera

Fondi. Controlli della polizia Locale nelle sale per il gioco pubblico.

Su indirizzo dell’Amministrazione comunale, nei giorni scorsi il Comando di Polizia Locale ha effettuato controlli mirati presso attività che ospitano apparecchiature per il gioco pubblico, riscontrando alcune situazioni sospette nonché la presenza di minori.

«Nella consapevolezza di una difficoltà normativa nel poter intervenire in maniera preventiva al fine di disciplinare l’apertura di tali strutture – dichiara il Sindaco di Fondi Salatore De Meo – è evidente che le attività di controllo svolte dalla PL, per le quali esprimo l’apprezzamento dell’Amministrazione comunale, servono soprattutto a monitorare la regolarità delle stesse e la reale portata del fenomeno. Sul tema del gioco d’azzardo abbiamo sempre dimostrato attenzione e sensibilità, ben consapevoli dei risvolti sociali ad esso sottesi. Nel 2013, accogliendo la mozione del Consigliere Maria Civita Paparello, il Consiglio comunale e la Giunta municipale hanno deliberato l’adesione del Comune di Fondi al “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo”, con cui i Comuni aderenti si sono impegnati ad utilizzare tutti gli strumenti disponibili per esercitare attività di contrasto al gioco d’azzardo, tra cui regolamenti, ordinanze, controlli della Polizia Locale a fini preventivi e ogni ulteriore strumento che consenta di monitorare adeguatamente il territorio e i fenomeni che vi si manifestano. Nel Marzo 2016 abbiamo inoltre attivato, accedendo a fondi regionali, lo sportello d’ascolto psicologico GAP per i giocatori d’azzardo e loro familiari destinato all’utenza del territorio distrettuale di Fondi – Terracina. Tra le attività svolte durante l’anno del progetto figurano anche iniziative di sensibilizzazione negli Istituti Superiori di II grado e un laboratorio presso il Centro sociale anziani. Purtroppo il fenomeno delle ludopatie non risparmia il nostro territorio, considerati i dati emersi dall’attività dello sportello d’ascolto, e anche in ragione dei diversi casi individuati dai Servizi sociali. Siamo alle prese con una attenta lettura di tutte le norme vigenti al fine di procedere ad una revisione del regolamento comunale, proprio per accrescere ulteriormente il ruolo del Comune nel rilascio di nuove autorizzazioni e nel controllo degli esercizi esistenti. Le nostre azioni, per quanto puntuali, non sono però in grado di arginare un fenomeno di così ampia portata, per il quale è auspicabile che lo Stato detti precise regole e limiti inderogabili alle varie forme di gioco pubblico e gli Enti locali siano autorizzati ad introdurre ulteriori argini nei territori di competenza per tutelare la salute fisica e psichica dei cittadini. Le nostre attività di controllo, che proseguiranno periodicamente, servono a sensibilizzare maggiormente la popolazione sui rischi connessi alla ludodipendenza».

Updated: 10 aprile 2017 — 18:27
Questo sito e' gestito dall'Associazione Culturale Raf103e5 Info@raf103e5.it Frontier Theme