Raf103e5

Dal 1976 incredibilmente vera

Fondi. Report Consiglio Comunale.

Si è tenuta il 29 marzo scorso presso l’Aula Consiliare “Luigi Einaudi” la Seduta Pubblica Ordinaria del Consiglio comunale, aperta con l’approvazione dei verbali della seduta precedente.

Con il secondo punto all’ordine del giorno il consiglio ha approvato la determinazione delle indennità degli amministratori confermando come per lo scorso anno la riduzione del 10%.

Il Presidente della Commissione Bilancio Vincenzo Carnevale ha illustrato i primi punti all’ordine del giorno precisando che per il 2017 sono state confermate le aliquote per addizionale comunale IRPEF, le aliquote e detrazioni dell’Imposta Municipale Propria (IMU), il valore delle aree fabbricabili per accertamenti IMU – anno 2017, le aliquote del Tributo sui Servizi Indivisibili (TASI). “Il blocco dei tributi imposto l’anno scorso dal Governo – ha precisato Carnevale – ha sicuramente condizionato i bilanci di tutti gli Enti Locali costringendoli ad ulteriori tagli della spesa e contestuale aumento delle altre tariffe locali. A fronte di questo rigoroso scenario il Comune di Fondi, già impegnato da anni in un complessivo processo di ottimizzazione della spesa, ha fatto un importante sforzo avendo le aliquote di questi tributi tra le più basse della provincia e della regione e considerato che una parte del gettito IMU viene riversato allo Stato”.

Il consiglio ha successivamente approvato le tariffe cimiteriali confermando quelle del 2016.

In merito al Piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani – anno 2017, il Presidente Carnevale ha spiegato che nonostante in esso sono stati considerati anche i costi dei nuovi servizi richiesti ed in vigore da domani 1° Aprile, per fare in modo che le attività di raccolta differenziata siano più corrispondenti alle esigenze dei cittadini e delle attività produttive, esso è rimasto pressoché invariato rispetto al piano dello scorso anno nel quale erano considerati solo 9 mesi con il nuovo servizio. A riguardo l’Assessore De Bonis ha illustrato la determinazione delle relative tariffe TARI, evidenziando che per le utenze domestiche non ci saranno aumenti significativi e che per le attività commerciali che hanno richiesto maggiori frequenze di ritiro dei rifiuti l’aumento è irrisorio. “Anche per il 2017 – ha precisato l’Assessore De Bonis – è stata confermata agevolazione per i nuclei familiari con disabile a carico, previa presentazione di istanza a seguito di avviso pubblico, così come è stata altresì confermata agevolazione per le nuove attività commerciali che aprono nel centro storico; inoltre abbiamo previsto la riduzione fino al 100% del tributo per i nuclei familiari a reddito zero a carico dei servizi sociali, per la quale sarà pubblicato un bando ai fini della presentazione delle domande”

I Consiglieri Luigi Parisella ed Appio Antonelli nell’esprimere le loro perplessità in merito hanno comunque invitato l’Amministrazione a una maggiore attenzione sulle attività di controllo del servizio igiene ambientale, proprio perché da detti controlli si potrebbero recuperare nuove risorse per poter contribuire ad un contenimento delle tariffe. I consiglieri Mario Fiorillo e Maria Civita Paparello hanno invece rappresentato come a loro avviso il piano economico è frutto di una scelta sbagliata fatta dall’Amministrazione al momento dell’appalto in quanto si potevano individuare criteri diversi e sicuramente il Comune si sarebbe dovuto riservare la gestione diretta delle risorse provenienti dalla vendita dei rifiuti valorizzabili.

Successivamente il Presidente della commissione Attività Produttive Stefania Stravato e l’Assessore Salemme, hanno illustrato i punti relativi rispettivamente alla modifica del regolamento Cosap e alla determinazione tariffe Cosap. In particolare la Presidente Stefania Stravato ha spiegato come una delle modifiche concede la possibilità di versare il canone di importo superiore ad € 500 in 4 rate anziché 3 come previsto precedentemente.

“Nel merito delle tariffe, ha spiegato l’Assessore Salemme, abbiamo ritenuto di rivedere al ribasso alcune tariffe come quella dei passi carrabili per i quali sono state individuate 3 fasce, l’occupazione permanente di sedie e tavolini, molti diritti di segreteria SUAP e le tariffe dei mercati di Via Gioberti, Ugo Foscolo e Viale Marconi che sono state uniformate a quelle di Mola di Santa Maria, anche esse leggermente ridotte.”

Il Sindaco Salvatore De Meo ha poi illustrato il punto sull’indisponibilità di aree e fabbricati da destinare all’edilizia economica e popolare. Nel merito a seguito di alcuni rilievi sollevati dal consigliere Mario Fiorillo che ha sottolineato come da troppi anni si prende semplicemente atto della indisponibilità di dette aree, l’Assessore Claudio Spagnardi ha spiegato innanzitutto che il Comune di Fondi ha già messo a disposizione dell’ATER un’area di proprietà su cui è possibile realizzare ben 22 alloggi ma purtroppo la Regione da anni non finanzia nuovi interventi, inoltre l’Amministrazione sta lavorando nella definizione delle varianti speciali conseguenti alla perimetrazione dei nuclei abusivi e all’adozione del Programma di Riqualificazione Urbana (PRUA), strumenti con i quali si potranno reperire aree per la realizzazione di case popolari ma rimane sempre la difficoltà finanziaria non garantita dalla Regione. Nel merito il Sindaco ha altresì aggiunto che comunque l’Amministrazione a sua guida dal 2010, in sinergia con ATER ha recuperato oltre 60 alloggi occupati abusivamente assegnandoli agli aventi diritto in graduatoria e dando una significativa risposta all’emergenza abitativa. Inoltre il Comune ha predisposto anche un progetto per il recupero di alloggi al piano terra degli attuali edifici popolari ed ha anche rappresentato all’ATER la disponibilità a compartecipare.

Il Piano triennale di razionalizzazione delle spese per gli anni 2017 – 2019 è stato illustrato dal Presidente Carnevale, il quale ha evidenziato come l’Amministrazione stia proseguendo nel piano di contenimento e razionalizzazione della spesa già avviato negli anni precedenti.

Successivamente il Presidente della Commissione LL.PP. Antonio Ciccarelli ha illustrato nel dettaglio le opere inserite nel Piano triennale delle opere pubbliche per gli anni 2017-2019, richiamando la discussione già avvenuta nella rispettiva Commissione ed evidenziando come in esso sono molteplici gli interventi con cui l’Amministrazione comunale si propone di dare risposte concrete in merito alla viabilità e alla vivibilità complessiva della città e delle numerose contrade.

Nel merito il consigliere Mario Fiorillo anticipando il voto contrario del suo gruppo consiliare ha ribadito che il Piano Triennale non è condivisibile sia perché privo di alcuni interventi che a loro avviso sarebbero strategici per la città sia perché non si comprendono come siano state date le priorità ad alcuni di essi e soprattutto le scelte di realizzarli prevalentemente in alcune zone. I consiglieri Parisella e Paparello hanno altresì aggiunto che a prescindere dalle grandi opere previste l’Amministrazione dovrebbe prestare maggiore attenzione alle attività di semplice manutenzione.

L’Assessore al Bilancio ha, infine, illustrato gli ultimi due punti all’odg: il Documento Unico di Programmazione (DUP) ed il bilancio di previsione finanziario 2017/2019.

“La manovra di bilancio che ci apprestiamo ad approvare – ha introdotto l’Assessore De Bonis – ha quali presupposti normativi i medesimi dello scorso anno considerato che la Legge di Stabilità 2017 ha mantenuto il blocco delle tasse e delle imposte ad eccezione della TARI. Nonostante le basi di partenza non fossero delle migliori, l’Amministrazione ha lavorato alacremente per realizzare una manovra finanziaria giusta, che potesse essere in grado di coniugare al meglio le esigenze dei cittadini con gli stringenti vincoli normativi e finanziari e siamo riusciti a contenere le tariffe ed in alcuni casi anche a ridurle.”

L’Assessore De Bonis si è soffermata nella descrizione delle principali caratteristiche del bilancio 2017 presentato su un’oculata amministrazione basata sul controllo della spesa e su una concreta azione di contrasto all’evasione fiscale, che consentirà di garantire il mantenimento dei servizi e potenziare gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, con una attenzione alle fasce più deboli, dando un segnale di sostegno al settore cultura e alle nuove attività produttive, evidenziando inoltre che con sempre meno risorse a disposizione e con una normativa che riduce sempre più l’azione politica degli Enti locali, il Bilancio approvato è il risultato di un ulteriore grande sforzo che l’Amministrazione si è proposta di portare avanti. Il bilancio è stato approvato dalla maggioranza mentre hanno votato contro i consiglieri di minoranza presenti.

Updated: 30 marzo 2017 — 18:39
Questo sito e' gestito dall'Associazione Culturale Raf103e5 Info@raf103e5.it Frontier Theme