Raf103e5

Dal 1976 incredibilmente vera

A ROMA ANCHE I GATTI UTILIZZATI PER L’ACCATTONAGGIO.

Appello dell’OIPA: “Non date soldi agli sfruttatori”
Una piaga senza fine quella dello sfruttamento degli animali
per l’accattonaggio nella capitale. Dopo i cani
ora tocca ai gatti, anche loro vittime innocenti di questa pratica
illegale vietata dal regolamento comunale n.275 del 2005.
Le Guardie Zoofile nel nucleo romano dell’OIPA (Organizzazione Internazionale
Protezione Animali) sono intervenute in via Appia 520 nei pressi dell’ingresso
di Villa Lazzaroni per una segnalazione di sfruttamento animali per accattonaggio.
Una gattina di circa 4 mesi di età era detenuta legata al collo con una corda e
vicino a lei vi era il piattino per le monete lasciate da ignari passanti che impietositi
elargivano  l’obolo inconsapevoli di alimentare lo sfruttamento dell’animale per una pratica illegale.
L’OIPA rivolge un appello ai romani che specialmente in questo periodo affollano
le vie dello shopping e che facilmente possono imbattersi in mendicanti con cani, gatti e pappagalli
al seguito usati come attrazione, “Non date soldi a chi sfrutta gli Animali, chi li ama non li
sfrutta e non li espone al rischio di sequestro”.
Ora la gattina,  molto bella e buona, cerca una nuova e vera famiglia. Per chi volesse adottarla
può rivolgersi all’OIPA di Roma scrivendo a roma@oipa.org o chiamare il numero 0693572502.
Updated: 12 Dic 2016 — 18:16
Questo sito e' gestito dall'Associazione Culturale Raf103e5 Info@raf103e5.it Frontier Theme